VIDEO - JAZZ HISTORY

JAZZ HISTORY
LA STORIA DEL JAZZ IN VIDEO

(durata 74')

DVD video originale, fuori commercio
ideato e realizzato da Giorgio Lombardi
con la collaborazione di Gianni Sorgia e di Gigi De Leo

scarica la scheda in pdf

Il video consta di vari capitoli nei quali è condensata la storia del jazz, dalla genesi dell'hot-jazz nella città di New Orleans sino a Carla Bley, una delle punte di diamante dell'odierna scena jazzistica. Il video, è presentato dallo stesso Lombardi ed è destinato a esemplificare la storia del jazz soprattutto nei confronti degli allievi delle scuole di Jazz.

Nel primo capitolo dedicato alla genesi dell'hot jazz si incontrano quelle brass-bands che poi favoriranno la nascita della prima jazz-band della storia diretta dal mitico Buddy Bolden. Il successivo capitolo documenta lo sviluppo dello "Stile New Orleans" con Jelly Roll Morton (il primo genio che la musica afro-americana abbia espresso) e Louis Armstrong, il primo grande solista della storia del jazz, del quale si ascolta la celeberrima versione di West End Blues, considerato il miglior pezzo di jazz registrato nel secolo scorso.
Il capitolo del "Dixieland" è imperniato sulla figura di Bix Beiderbecke, il primo grande jazzman di pelle bianca in grado non solo di competere con i grandi messaggeri neri ma persino di sopravanzarli in fatto di originalità espressiva, e sui chicagoans di Eddie Condon e compagni di ventura.
La Swing-Era è ben documentata dalle orchestre di Count Basie, assurta a sinonimo di swing, e quella Duke Ellington (il più grande compositore -arrangiatore della storia del jazz), che eseguono alcuni dei loro cavalli di battaglia, mentre alla grande Billie Holiday è dedicato un lussuoso siparietto.
Il jazz moderno è personificato nel video dal Trio di Jimmy Giuffre con Jim Hall (la versione cool); da Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Thelonious Monk (protagonisti della scuola bop). Il jazz d'avanguardia è rappresentato dalla prestigiosa accoppiata Miles Davis-John Coltrane; da Charles Mingus (l'ultimo grande genio della musica afro-americana), da Cecil Taylor, uno dei numi tutelari del "free jazz".
L'ultimo capitolo, dedicato all'odierno scenario, si apre con la controversa figura di Wynton Marsalis, che ha avuto il grande merito di aiutare le giovani generazioni a conoscere e a rispettare le radici di questa musica, seguito da Sonny Rollins, un gigante senza etichette e senza età, e da Keith Jarrett, uno degli idoli delle ultime generazioni. Dulcis in fundo Carla Bley, punta di diamante dell'odierna avanguardia a cui ha aperto nuovi stimolanti orizzonti espressivi restando sempre ben ancorata alla radice afro-americana.


Elenco cronologico dei brani musicali che si ascoltano nel video:

- Oh Didn't He Ramble (Teddy Buckner tr.)
- Eh La Ba (Eureka Brass Band)
- Jelly Roll Blues (Morton - Red Hot Peppers - 1926)
- West End Blues (L. Armstrong Hot Five - 1928)
- Lazy River (L. Armstrong All Stars - Newport 1958)
- Medley di brani suonati da Bix Beiderbecke - 1924 - 1927
- Blues For Gene Krupa (E. Condon's Chicagoans 1961)
- After You've Gone (Idem - solista Jack Teagarden)
- One O' Clock Jump (Count Basie Orchestra - 1943)
- Caravan ( D. Ellington Orchestra -1953)
- Fine and Mellow (Billie Holiday All stars Orchestra - 1957)
- The Train and The River (Trio di Jimmy Giuffrè con Jim Hall - 1957)
- Hot House (Parker - Gillespie Quintet - 1952)
- Blue Monk (Trio T. Monk - 1957)
- So What (M. Davis - J. Coltrane - 1959)
- Sue's Changes (C. Mingus Quintet - 1975)
- Ungawa (Cecil Taylor piano solo, 1986)
- Crepuscole with Nellie (W. Marsalis Quintet - 1988)
- I Should Care (Sonny Rollins - 1992)
- Spiral Dance (Keith Jarrett con Jan Garbarek - 1976)
- Setting Calvin's Waltz (Carla Bley Big Band - 1996)


 

 

Informativa sull'utilizzo dei cookie

MUSEO DEL JAZZ G.DAGNINO
Via Tommaso Reggio, 34 - Palazzo Ducale - GENOVA - Tel./Fax: 010-585241
P. I. 01163900994 - e-mail:info@italianjazzinstitute.com
a cura di R&P Informatica Graphic - copyright © 2004 MUSEO DEL JAZZ