VIDEO - BILLIE HOLIDAY

BILLIE HOLIDAY: "LA LEGGENDA DI LADY DAY"
(durata di circa 60')

Video originale fuori commercio
ideato da Giorgio Lombardi
realizzato con la collaborazione di Gianni Sorgia
in occasione del cinquantenario della morte

scarica la scheda in pdf

Il DVD accorpa filmati rari o addirittura inediti unitamente ad altro materiale che era stato a suo tempo pubblicato su vecchi video-tapes ormai introvabili e che fanno oggi parte della ricca collezione del Museo
Il video ripercorre la vita e la carriera di Lady Day, dagli anni giovanili (caratterizzati dal felice sodalizio con Teddy Wilson, dal fortunato incontro con l'impresario John Hammond e dal sofferto rapporto con Lester Young) alla sua prematura scomparsa, a soli quaranta quattro anni, al termine di una tragica sequenza di disgrazie (dai troppi episodi di intolleranza razziale all'arresto per consumo e spaccio di droga, dai soggiorni coatti in carcere e in comunità terapeutiche al definitivo sofferto ricovero in ospedale quando era ormai in fin di vita).

Il DVD è arricchito da una serie di interessanti interviste a Milt Gabler (il produttore della Commodore-Decca che le avrebbe fatto incidere brani che sarebbero diventati storici), al celebre critico, oltre che importante impresario, Leonard Feather, che avrebbe offerto alla povera Billie un grosso supporto sia dal punto di vista musicale sia sotto il profilo umano, ad altre cantanti come Carmen Mc Rae, a persone che l'hanno conosciuta da vicino e ad amiche che l'hanno assistita sino ai suoi ultimi anni di vita.
Il clou del video è ovviamente rappresentato dalla sua preziosa colonna sonora nella quale si susseguono, a volte solo in audio, i cavalli di battaglia della Holiday: da Miss Brown To You a I'll Never Be The Same, i primi successi registrati per la Columbia, a Strange Fruit e Lover Man, opere diventate immortali per merito di Milt Gabler; sino agli ultimi capolavori incisi per la Verve, quando la sua voce era "volutamente" diventata più acida e sgradevole, soprattutto per quel "pubblico bianco" che detestava cordialmente. Ci riferiamo a Don't Explain, You've Changed, I Loves You Porgy, Yesterdays e a quella piccola perla collezionistica ripresa con mezzi di fortuna durante un concerto all'Olympia di Parigi nel corso del 1958.
Dulcis in fundo quella che è considerata la quintessenza del canto-jazz: parliamo della ormai mitica versione di Fine And Mellow, tratta da uno Special televisivo NBC del 1957, interpretata con somma maestria dalla Holiday alla testa di una All-Stars Band comprendente Lester, Hawkins, Webster e Eldridge. Un qualcosa di unico, inimitabile, irripetibile, sufficiente da solo a far assurgere Lady Day nel punto più alto dell'Olimpo dei cantanti di jazz.
Giorgio Lombardi

DISCOGRAFIA ESSENZIALE:

- "The Best Of B.H." - 1933-44 - (Columbia - 4 Cd)
- "The Commodore Master Takes" - 1939-44 - (GRP-Universal))
- "The Complete Original American Decca" - 1944-55- (GRP-Universal - doppio Cd)
- "Body And Soul" - 1957 - (Verve-Universal)
- "Lady In Satin" - 1958 - (Columbia-Sony)

BIBLIOGRAFIA:

Julia Blackburn - "Lady Day" - (Il Saggiatore), 2008

 

 

Informativa sull'utilizzo dei cookie

MUSEO DEL JAZZ G.DAGNINO
Via Tommaso Reggio, 34 - Palazzo Ducale - GENOVA - Tel./Fax: 010-585241
P. I. 01163900994 - e-mail:info@italianjazzinstitute.com
a cura di R&P Informatica Graphic - copyright © 2004 MUSEO DEL JAZZ