VIDEO - BENNY GOODMAN

BENNY GOODMAN: IL RE DELLO SWING
(Durata 45')

Dvd originale fuori commercio
ideato da Giorgio Lombardi in occasione del centenario della nascita del grande clarinettista
realizzato con la collaborazione di Gianni Sorgia e di Gigi De Leo

scarica la scheda in pdf

Il video ripercorre in termini inevitabilmente sintetici ma quanto mai significativi la carriera del "Re dello Swing", dal debutto giovanile con l'orchestra di Ben Pollack nel lontano 1926 all'importante sodalizio con l'impresario John Hammond che propizierà la nascita della sua prima orchestra; dai felici incontri con arrangiatori del calibro di Fletcher Henderson, Jimmy Mundy, Mary Lou Williams e con i solisti che hanno svolto un ruolo chiave in seno all'orchestra (Wilson, Hampton, James, Krupa, Stacy….) al clamoroso successo riscosso alla Carnegie Hall nel gennaio del '38, che gli avrebbe schiuso le porte di Hollywood.
Per quel che riguarda la colonna sonora si ascoltano i suoi cavalli di battaglia: Let's Dance, Sing Sing Sing, Avalon, Roll 'Em, Bugle Call Rag, One O' Clock Jump, Where Or When, House Hop, e molti altri, nobilitati dagli interventi delle stelle dell'orchestra con Gene Krupa in testa.

L'etichetta di "Re dello Swing" è tutt'altro che esagerata avuto riguardo al fatto, incontestabile, che la popolarità di Goodman presso il grosso pubblico durante la Swing-Era non fu eguagliata da nessun altro dei suoi pur prestigiosi rivali, da Ellington allo stesso Armstrong. Quel che accadde al Palomar di Los Angeles, al Congress Hotel di Chicago, al Paramount di New York e, infine, alla Carnegie Hall, con la folla impazzita che ballava nelle sale e che faceva la coda per acquistare i biglietti con i cordoni della polizia per tenerla a freno,è rimasto un qualcosa di unico nella storia della musica afro-americana.
I dischi di Goodman, trasmessi a tutte le ore della giornata dalle maggiori emittenti televisive, venivano ascoltati e acquistati in ogni angolo del paese. E proprio grazie al prode Benny il jazz diventava per la prima (e possiamo dire anche l'unica) volta un fenomeno di massa.
Tra il 1935 e il '50 Goodman trionfa nei referendum indetti dalle maggiori riviste specializzate, Down Beat, Metronome, Esquire,quale miglior clarinettista, miglior solista, miglior direttore d'orchestra. Hollywood gli apre le porte consentendogli di partecipare ad un numero impressionante di film di successo, il cui diapason sarà rappresentato nel 1955 dal film autobiografico "The Benny Goodman Story", che sarebbe stato presentato anche in Italia con il titolo quanto mai significativo "Il Re del Jazz".
Ma Benny Goodmam è stato anche uno dei più grandi clarinettisti, sotto il profilo tecnico-strmentale, che il secolo scorso abbia espresso ed ebbe ampio modo di dimostrarlo attraverso i concerti e i dischi registrati con alcuni dei più prestigiosi esponenti della sponda classica, da Bela Bartok (1939) a Copland (1950) sino a Stravinki (1965).


Informativa sull'utilizzo dei cookie

MUSEO DEL JAZZ G.DAGNINO
Via Tommaso Reggio, 34 - Palazzo Ducale - GENOVA - Tel./Fax: 010-585241
P. I. 01163900994 - e-mail:info@italianjazzinstitute.com
a cura di R&P Informatica Graphic - copyright © 2004 MUSEO DEL JAZZ